STAGIONE:  
  
Prima TV :21.12.1996
Scritto da :Chris Manheim
Diretto da :John T. Kretchmer
Xena e Olimpia inscenano un piano elaborato per convincere re Silvus a celebrare nuovamente il solstizio d'inverno.Xena e Olimpia arrivano nel regno di re Silvus (Peter Vere Jones) con lo spirito del solstizio d'inverno, ma cadono subito preda del giovane Lynal (Daniel James), che ruba il chakram di Xena quando crede che lei non stia guardando. Incuriosite dal ragazzo, la Principessa Guerriera e Olimpia lo seguono fino ad un orfanotrofio dove trovano un gruppo di bambini intenti a decorare un grande abete con l'aiuto di una donna chiamata Melana (Sher Booth). In cima all'albero, in bella vista, c'è il chakram di Xena adornato con alcuni fiocchi. Tutti sono stupiti dall'improvvisa irruzione di Senticle (Joe Berrryman), lo scrivano del re, che entra nell'orfanotrofio per annunciare che i suoi residenti verranno sfrattati a mezzanotte per non aver pagato le tasse molto alte richieste dal re. Vedendo le decorazioni presenti nella stanza, una delle guardie di Senticle dice di arrestare Melana per aver violato l'ordine del re di non celebrare il solstizio d'inverno. Afferrando il chakram, Xena salta in azione e riesce a legare le guardie evitando l'arresto. Interrogando Senticle, Xena è sorpresa di scoprire che il re dal cuore di pietra rinunciò al solstizio trent'anni prima dopo aver perso sua moglie, la regina Analia, alla vigilia del solstizio. Lei e Olimpia scoprono anche che Senticle, buon uomo dal cuore d'oro, era un tempo un giocattolaio, che è stato strappato alla sua professione dal re. Olimpia è determinata a mostrare al re l'errore che sta commettendo e ne viene fuori con un piano elaborato, in cui le serve l'aiuto di Xena, di Senticle e di un asinello chiamato Tobias, che ha salvato dalla morte.
Quella notte, Xena si insinua nella camera da letto del re e lo avverte di lasciare l'orfanotrofio. Scappando dalla finestra prima che le guardie la prendano, scopre una stanza segreta decorata appositamente per il solstizio d'inverno, ma chiusa da trent'anni e piena di polvere. Sul muro è appeso un ritratto del re e della sua giovane sposa, la regina Analia, che indossa un medaglione. Quella notte stessa, Xena entra nuovamente nella camera del re, travestita da Cloto, la Parca del passato. La Principessa Guerriera spaventa Silvus portandolo nella vecchia stanza adibita per il solstizio dove Olimpia, travestita da regina Analia, è sospesa nell'aria da una corda e si presenta come il fantasma di sua moglie. Il suo travestimento cade quando l'asino Tobias, che sta tirando la corda, sente un fischio e la corda si smolla. Xena, però, riesce a distrarre il re facendogli bere del vino drogato, dando a Olimpia il tempo di rimettersi in piedi e avverte Silvus di riprendere il suo vecchio cammino prima che sia troppo tardi. Il re dice che sua moglie non è morta ma subito dopo cade addormentato per l'effetto del vino drogato.
Poco dopo, Xena rivisita il re, questa volta travestita da Lachesi, la seconda Parca che si occupa del presente. La guerriera sveglia Silvus, lo obbliga a vestirsi come un uomo qualunque e lo porta all'orfanotrofio così che possa vedere il risultato della sua crudeltà. Fingendosi forestieri, i due vengono accolti calorosamente da Lynal e dai bambini e vengono invitati a condividere le celebrazioni del solstizio. Nel frattempo, Olimpia e Senticle sono diretti all'orfanotrofio per consegnare ai bambini un sacco pieno di giocattoli che Senticle ha tenuto nascosto per anni, quando un gruppo di soldati bussa alla porta dell'orfanotrofio. Xena entra in azione quando i soldati minacciano di arrestarla assieme al re, ma gli sforzi sono troppi per Silvus e presto sviene. Mentre Xena e Melana lo curano, Xena nota che Melana indossa il medaglione che ha visto nel ritratto della regina Analia al castello. La Principessa Guerriera torna a continuare la battaglia e, assieme a Olimpia, Senticle, Lynal e i bambini, usa i giochi di Senticle come armi per sconfiggere i soldati. Quando re Silvus si sveglia e vede la figura incappucciata di Melana, pensa che sia Atropo, la Parca del futuro. Temendo di stare affrontando la sua morte, il re giura di cambiare e si unisce alla battaglia dalla parte dei bambini. Quando le guardie vengono sconfitte, Silvus è stupito di scoprire che la figura incappucciata è la sua preziosa moglie Analia, che si è occupata dell'orfanotrofio da quando si è allontanata trent'anni prima. Lasciando il re e la regina nuovamente felici come un tempo, Xena e Olimpia partono alla ricerca di nuove avventure.


Per questa guida si ringrazia:
www.xenamedia.too.it