STAGIONE:  
  
Prima TV :30.11.1996
Scritto da :Paul Robert Coyle
Diretto da :Charles Siebert
Sempre intrappolata nel corpo della sua nemica Callisto, Xena si ritrova nel mezzo di una competizione mortale tra dieci signori della guerra per diventare i successori di Marte, il dio della guerra appena deposto.Xena, ancora intrappolata nel corpo di Callisto (Hudson Leick), siede attorno al fuoco con Olimpia quando Corilo (Ted Raimi) arriva. Cercando nelle sue tasche, estrae una pergamena contenente un messaggio importante diretto alla vera Callisto, che sta soffrendo nell'oltretomba intrappolata nel corpo di Xena. Incuriosita, Xena apre la pergamena e trova un invito da parte di Marte, il dio della guerra, che la attende con altri signori della guerra in un villaggio marittimo nelle vicinanze. Realizzando che c'è qualcosa che non va -- Marte sa bene che Callisto è tornata nell'oltretomba -- Xena e Olimpia, che è diventata stranamente aggressiva, si incamminano dirette al villaggio. Arrivate vedono due signori della guerra, che sono stati grandi nemici, trattarsi con una strana gentilezza. Sconcertata dal loro comportamento, Xena continua ad osservare mentre Olimpia va al mercato locale del pesce ma, dopo un pò tutti iniziano ad azzuffarsi.
Confusa dallo spettacolo di innocenti diventati violenti e dei signori della guerra diventati gentili, Xena va con Olimpia nella taverna locale dove trovano un ubriaco seduto al bancone. Per loro sorpresa, l'uomo è Marte (Kevin Smith), privato della sua divinità e vulnerabile a tutte le fragilità di un mortale. Marte spiega che la sua spada è stata rubata da un ladro misterioso, e con essa i suoi poteri condannandolo ad una vita da mortale. E' stato il ladro, non Marte, che ha mandato gli inviti a Callisto e ai signori della guerra. Marte spiega che senza un dio della guerra, la gente pacifica ha perso il controllo della rabbia. Si riferisce a Olimpia, che è diventata stranamente litigiosa, come esempio. Solo i guerrieri, che hanno imparato a controllarsi, possono tenere sotto controllo quella situazione. Xena ordina a Olimpia di restare indietro mentre lei e Marte si dirigono al punto d'incontro dei signori della guerra. Sulla strada, Xena incontra uno dei guerrieri e lo mette fuori combattimento, permettendo a Marte di rubargli l'invito. Quando arrivano, i guerrieri, che sono in effetti dieci, devono disarmarsi e salire su una galea. Una volta a bordo, ricevono il messaggio che il dio della guerra si è ritirato e che uno di loro verrà scelto per prendere il suo posto.
La galea salpa diretta verso un castello, dove il gruppo viene accolto da Sisifo (Charles Siebert), il re che ha rubato la spada di Marte dopo essere scappato dall'oltretomba. L'uomo dice ai suoi ospiti che chiunque uccida "il Baracus" -- un'orrenda bestia feroce che si trova sotto il castello -- vincerà la spada e con essa la divinità. Sisifo, poi, si garantirà l'immortalità. I guerrieri prendono dei foglietti con un numero; Xena ha il numero uno e sarà la prima a battersi con il mostro. Gli altri signori della guerra la attaccano per prenderle il foglietto ma lei li mette fuori combattimento. Xena si unisce a Marte e scopre che la sua esperienza da mortale lo ha cambiato -- non è più l'assassino a sangue freddo che conosceva in passato. Nel frattempo, Olimpia e Corilo, entrambi agitati, si insinuano nel castello attraverso un passaggio sotterraneo in cui si sentono i lamenti di Baracus. Il coraggio di Corilo inizia a mancare quando i due si dirigono in direzione della bestia fino a che la incontrano: una grande ventola che, al passaggio dell'aria, produce un rumore simile al lamento di un mostro.
Mentre Corilo attacca l'oggetto, Xena e Marte affrontano Tegason (Bruce Hopkins) e Virgilius (Chris Ryan), gli unici signori della guerra sopravvissuti dopo aver cercato di uccidersi l'un l'altro per avanzare di un posto. Xena trova la spada di Marte nelle fredde mani di un signore della guerra morto e, nel combattimento che segue, lei e Marte uccidono gli attaccanti. Sisifo appare e dice a Xena di uccidere Marte per reclamare la vincita, ma Corilo e Olimpia arrivano rivelando la verità su Baracus. Sconfitto, Sisifo confessa che il dio dell'oltretomba gli ha promesso di farlo nuovo dio della guerra se lui consegna le anime dei dieci migliori guerrieri a Plutone. Xena ridà la spada a Marte, che guarda solennemente Sisifo tornare nell'oltretomba. Marte torna ad essere il vecchio dio senza emozioni ma Xena rimane ancora nel corpo di Callisto. Sulla spiaggia, Olimpia dice a Xena che le resterà accanto in qualunque corpo si troverà ma, quando si gira a guardare la sua amica, Xena è tornata nel suo corpo.


Per questa guida si ringrazia:
www.xenamedia.too.it