melman
STAGIONE:  
  
Prima TV :23.11.2005
Scritto da :John Enbom e Cathy Belben
Diretto da :Steve Gomer
Keith viene assunto dai genitori di un ragazzo, Marcos Oliveras, morto nella tragedia dello scuolabus: da quando il figlio è morto, qualcuno li sta tormentando con messaggi anonimi che alludono all’incidente o, addirittura, con registrazioni della voce del ragazzo. Veronica, quindi, aiuta il padre cercando di scoprire qualcosa su Marcos, ma nessuno a scuola sembra conoscerlo, anche se, in realtà, conduceva, con uno pseudonimo, una trasmissione radiofonica molto seguita dagli studenti della Neptune High. Con l’aiuto di Mac, e di un po’ di tecnologia, Veronica riesce comunque a risalire al colpevole. Nel frattempo, però, la ragazza continua le indagini sull’omicidio di Felix e le sue ricerche metteranno in grave pericolo non solo lei stessa, ma anche Logan...

Guest Star:
Patrick Wolff (Hector), James Molina (Thumper), Tina Majorino (Mac), Duane Daniels (Van Clemmons), Brad Bufanda (Felix Toombs), Alona Tal (Meg Manning), Kim Kutner (Roxie), Norma Maldonado (Maria), Adam Hendershott (Butters Clemmons), Annie Campbell (Molly), John Maynard (Ned Applegate), Bradford Anderson (Ryan), John Bennett Perry (Alan Moorehead), Rod Rowland (Liam Fitzpatrick), Tayler Sheridan (Danny Boyd), David Barrera (Carlos Oliveres), Norma Maldonado (Maria Oliveres)


NOTE / CURIOSITA'
  • Rob Thomas ha dichiarato che questo è il suo episodio preferito.
  • Duncan apre finalmente la lettera di Meg. L'indirizzo sulla busta è "Meg Manning 23 Emperor Ct Neptune, CA 90909". Questo indirizzo era stato usato in precedenza nella serie: nell'episodio Kanes And Abel's (1x17, Il mistero dei Kane) era l'indirizzo della famiglia Fuller, in Blast from the Past (2x05, Visita dal passato), invece, quello della Kane Software era quasi uguale, la strada cioè si chiamava Emperior. Il mittente, invece, è "Chris Talley, 5344 Fauntleroy Av.e Seattle, WA 98144", che scopriremo essere la zia di Meg.
  • Quando Duncan guarda la lettera per Meg la prima volta, all'inizio dell'episodio, sul retro c'è scritto “Private and Confidential, this means you!” (Privato e confidenziale, mi riferisco a te), ma quando l'aveva trovata nell'episodio precedente era bianca e anche quando finalmente la apre, la scritta è nuovamente sparita.
  • Quando un ragazzo a scuola gli chiede della droga, Weevil gli risponde “Per chi mia hai preso, John De Lorean?!”. John Zachary De Lorean era il fondatore della De Lorean Motor Company e creò diversi modelli di auto molto celebri. De Lorean divenne famoso anche per il suo arresto, nel 1982, con l'accusa di traffico di stupefacenti, ma venne scagionato quando fu provato che era stato incastrato da degli agenti federali.
  • Prima di leggere l'email su Marcos, Veronica ne guarda una inviata da sua padre, in cui c'è scritto “Ciao tesoro, sono riuscito a scordami di comperare un paio di cose. Dovrei prendere il cibo per Backup, del succo d'arancia e chiamami per dirmi se sarai a casa per il famoso Polpettone-Misterioso-Mars. Ti prometto di non usare le cipolle che odi. Ah, e non sarà “ben cotto”, se non su richiesta ovviamente. Con amore, Papà”.
  • Dopo aver scoperto il programma radiofonico di Marcos, Veronica esclama “Non ho trovato nessuno che l'abbia mai sentito e tu mi stai dicendo che è l'Howard Stern di Neptune High?”. Howard Stern è uno dei più noti personaggi della radiofonia statunitense: auto-dichiaratosi “King of All Media”, da più di 30 anni Stern è famoso per essere sempre molto provocatorio, con il suo umorismo escatologico, sessista, volgare e razzista; lo speaker sostiene, infatti, che non lo fa per il puro gusto di scioccare, ma per esprimere sempre la sua opinione senza ipocrisie né mezzi termini.
  • Accettando di aiutare Veronica, Mac le dice “Sono contenta di essere la tua "Q", Bond, ma il crimine ha un prezzo”. Si riferisce ovviamente alla celebre spia britannica, James Bond, creata dallo scrittore Ian Fleming, come protagonista di una serie di romanzi, da cui sono stati tratti innumerevoli film. Q è lo scienziato che rifornisce regolarmente l'agente di tutti i gadget elettronici di cui ha bisogno durante le sue missioni.
  • Nella sceneggiatura originale, Logan avrebbe dovuto dire “I really don't want bottom bunk in "Fisty McFist-a-lot's" cell” (Non ho voglia di finire in cella con “Pugno Mac-Ti-Pesto-A-Sangue”), ma la CBS ritenne la battuta troppo forte, stranamente però accettò la versione definitiva molto più esplicita, cioè Fisty McRapesalot (Pugno Mac-Ti-Stupro-A-Sangue).
  • Durante la trasmissione, Marcos definisce Logan “Rosemary's baby: l'adolescenza”. Rosemary's Baby, romanzo di Ira Levin, narra la storia di una giovane coppia che va a vivere in un tetro condominio newyorchese, poco dopo la donna si accorge con orrore di esser vittima di una setta satanica, che fa capo ai servizievoli e invadenti vicini, che sembrano borghesi rispettabili. Sperando in un qualche tornaconto il marito, attore mediocre, non ostacola i terribili sortilegi e la poveretta partorisce un mostro, figlio del demonio. Nel 1968 Roman Polansky ne ha tratto un film, che vede come protagonisti Mia Farrow e John Cassavetes.
  • Quando Clemmons apre loro la porta, Veronica e Mac dicono “Glad we caught you at home, do you mind if we use your phone? We're both in a bit of a hurry” “Right.” (“Felice di averla trovata in casa, le dispiace se usiamo il suo telefono? Abbiamo entrambi una certa fretta” “Giusto”). Citano il cult movie Rocky Horror Picture Show, del 1975, tratto dal musical di Richard O'Brien, considerato il più bel musical rock della storia cinema. Ecco la trama: due fidanzatini imbranati (Susan Sarandon e Barry Bostwick) durante un temporale finiscono in una casa stregata, in cui si sta svolgendo una strana festa. Li attendono assurde avventure, orchestrate dal padrone di casa, il sensuale e diabolico alieno Frank'n Furter (Tim Curry), fino al pirotecnico e amaro finale. Questa citazione, tra l'altro, gioca anche sulla grande somiglianza tra Duane Daniels (Van Clemmons) e Tim Curry.
  • Veronica dice a Butters “Your dad made you a deal: he'd let you keep pumping up the volume…” (Tuo padre ti ha proposto un accordo. Ti avrebbe permesso di continuare a pompare il volume…). E' un'allusione al film Pump up the Volume, del 1990, in cui Christian Slater interpreta una ragazzo che gestisce una radio pirata.