ADProperant  -  
STAGIONE:  
  
Prima TV :25.11.2006
Scritto da :Tim Kring
Diretto da :David Semel
In cima a un edificio di New York, Peter Petrelli apre le braccia, e si prepara a volare. Il vento gli scompiglia i capelli e la giacca. Salta. Si avvicina pericolosamente al suolo, ma in quel momento… una voce di donna sveglia Peter dal suo sogno. La giovane donna, Simone Deveaux, domanda quanto tempo rimanga a suo padre da vivere. Peter, l'infermiere di Deveaux, dà all'uomo due giorni di vita. Simone è riconoscente a Peter per la sua dedizione; per suo padre, dice, Peter è più come un figlio che un infermiere. Peter scherza che questo li renderebbe fratelli, il che sarebbe imbarazzante se lui le chiedesse di uscire.

Dall’altra parte del mondo, in India, il Dott. Mohinder Suresh sta concludendo la sua lezione sul progetto di mappatura del genoma umano. Pieno di entusiasmo, spiega ai suoi studenti che il progetto ha scoperto delle mutazioni molto piccole nel codice genetico della specie umana, cambiamenti che stanno avvenendo a una rapidità impressionante. L’uomo, argomenta Suresh, utilizza solo una piccola parte del suo cervello. Se lo usasse interamente potrebbe teoricamente realizzare cose straordinarie come volare, teleportarsi, rigenerarsi. La lezione termina bruscamente quando un collega porta a Suresh una notizia terribile: suo padre è stato ucciso mentre guidava un taxi a New York. Suresh non crede che la morte del padre sia stata un incidente; crede che lo scienziato sia stato assassinato a causa delle sue teorie sull’evoluzione umana. Chandra Suresh era convinto che qualcuno stesse cercando di rubare i frutti della sua ricerca.
Giunto all'appartamento di suo padre, Mohinder trova un file intitolato “Genesi", che contiene riferimenti a diversi tipi di superpoteri. Sul muro c’è una mappa del globo con spilli appuntanti in diversi luoghi. Mohinder sente la voce di un uomo in un'altra stanza e si rende conto che qualcuno spiava suo padre. Scatta una foto alla mappa e fugge prima di essere scoperto.

A Las Vegas, Niki Sanders è al lavoro, ovvero intenta a spogliarsi davanti a una webcam per un cliente piuttosto esigente. Quando lo sconosciuto dall'altro lato della rete termina il suo credito, Niki interrompe la sua performance, si riveste e corre ad accertarsi che suo figlio Micah sia pronto per la scuola. Madre e figlio hanno un piccolo battibecco, in cui scopriamo che Niki fatica a star dietro alle bollette e a Micah, e che questi, dall’intelligenza vivacissima, è abituato a comportarsi come un adulto.
Il loro rituale mattutino viene interrotto, tuttavia, quando Niki si accorge di due tipi loschi fuori dalla porta. Afferrato Micah, Niki corre fuori e sgomma via a tutta velocità prima di essere vista.

Odessa, in Texas, non è il tipo di posto in cui accadano miracoli, ma qualcosa fuori dall'ordinario sta accadendo ora. L’adolescente Claire Bennet chiede all’amico Zach di riprenderla, poi si getta in caduta libera da un’altezza di 20 metri. Benchè abbia tutte le ossa frantumate e dislocate, la ragazza le rimette semplicemente a posto con uno schiocco e si allontana senza un graffio. “Sono Claire Bennet e questo era il tentativo numero sei” spiega alla telecamera.

Nel frattempo a New York Nathan Petrelli ascolta le confidenze del fratello Peter, che sogna di saper volare. Nathan è un uomo in carriera, un uomo nel mezzo di una combattuta campagna elettorale, e l’ultima cosa che può tollerare sono i sogni a occhi aperti di Peter, i cui discorsi e comportamenti stravaganti sono per lui potenziale fonte di imbarazzo. Ma i suoi problemi non sono finiti: una telefonata della madre, Angela Petrelli, interrompe la conversazione… la donna è stata arrestata per taccheggio.

Claire e Zach si incamminano verso casa. Zach non capisce perché la sua amica sia così abbattuta. Trova che il suo potere sia “la cosa più fica mai successa in città”. Ma Claire teme più di ogni cosa di non essere accettata e gli fa giurare di mantenere il segreto.

Hiro Nakamura nel suo ufficio di Tokyo fissa con grande concentrazione la lancetta dei secondi dell’orologio. Chiude gli occhi e corruga la fronte. La lancetta si arresta, torna indietro di un secondo e poi continua il suo giro. Con un grido di trionfo, Hiro si precipita dal suo amico Ando per il grande annuncio: è riuscito a manipolare il tempo e presto imparerà a manipolare anche lo spazio. Ando reagisce con sarcasmo, per poi tornare a dedicarsi a internet e, in particolare, al sito di spogliarelli di Niki.

Una scuola privata non è posto per i poveri, almeno non per Micah, il cui preside comunica a Niki che il ragazzo non può più frequentare dato che non può pagare la retta. Niki obietta che ha fatto una donazione di 25.000 dollari per farlo entrare in quella scuola esclusiva, ma riceve un netto rifiuto ed esce inviperita.

Alla stazione di polizia, la signora Petrelli non crede che essere stata arrestata sia poi un fatto tanto grave. Dopo tutto, la polizia ha fatto cadere tutte le accuse. Ma Nathan è furioso con lei: perché rubare un paio di calzini quando il loro defunto padre le ha lasciato una fortuna, tanto più alla vigilia dell’elezione al Congresso? Peter, più comprensivo, vuole scoprire che cosa stia passando per la testa di sua madre. La risposta di lei è disarmante nella sua onestà: “Volevo sentirmi viva”.

Niki si reca a trovare l’amica Tina, e si comporta in modo sempre più strano. Micah chiede alla madre perché sembri spaventata dall’acquario dei pesci, ma la donna non risponde. Niki confessa a Tina di aver preso in prestito 30.000 dollari dal signor Linderman, e che non sa come ripagare il debito. Poi aggiunge spaventata che crede di essere seguita da qualcuno che non riesce a vedere.

Un incendio divampa in seguito al deragliamento di un treno. Con la telecamera ancora in funzione, Claire corre in mezzo alle fiamme e salva un uomo bloccato all'interno. Anche se il fuoco le ha bruciato i vestiti, la ragazza non ha riportato alcun danno. Quando i vigili del fuoco l’avvicinano per accertarsi che stia bene, Claire scappa.

Mohinder si reca all’appartamento del padre a New York. Qui trova un’altra mappa del globo e con l’aiuto della sua foto, ricostruisce i segni appuntati dal padre. Sul pavimento trova una cassetta etichettata col nome “Sylar”.

Simone arriva allo studio del suo ragazzo, il pittore Isaac Mendez, e lo trova intento a distruggere furiosamente un quadro che non si ricorda di aver dipinto. L’artista ammette che era sotto l’influenza dell’eroina, poi le mostra un quadro che ritrae un attentato su di un autobus in Israele. Tira fuori il giornale del mattino e mostra una foto dello stesso incidente, con lo stesso numero di autobus da lui dipinto tre settimane prima. Convinto di star diventando pazzo, Isaac caccia Simone. Poi vede il deragliamento del treno al telegiornale e guarda sconvolto un quadro da lui dipinto che rappresenta la stessa identica scena.

Nathan offre a Peter un impiego come coordinatore della sua campagna, ma invece di rispondere all’offerta Peter ricomincia a parlare di sogni e di volo. Nathan non vuole sentire più nulla a questo proposito e rinfaccia al fratello che “è ora di crescere”. Fuori dall'ufficio di Nathan, Peter salta su un taxi guidato da Mohinder Suresh, e i due conversano dell'eclissi che sta per coprire il sole, di evoluzione e destino.

Dopo avere lasciato Micah dall’amica, Niki torna a casa, ma il suo appartamento è sottosopra. I due tipacci di prima la afferrano, la portano in garage e le chiedono 50.000 dollari per coprire gli interessi del suo debito. Tentano quindi di costringerla a spogliarsi, ma quando Niki si rifiuta, uno dei due la colpisce e la ragazza perde i sensi.

Nel frattempo Hiro viene sfidato dal suo scettico amico Ando a teleportarsi nel bagno delle donne di un bar locale.

Niki rinviene. Guardandosi intorno trova i corpi dei due mafiosi brutalmente uccisi. La donna non riesce a capacitarsi di quanto accaduto, fino a che non si guarda allo specchio: la sua immagine riflessa, coperta di sangue – mentre Niki non lo è – le fa segno di restare in silenzio.

Suresh lascia Peter e prende a bordo un altro cliente, un uomo che legge il nome Suresh sulla sua licenza e comincia a parlare del professore venuto dall'India. Rendendosi conto che questo uomo misterioso ha forse a che fare con la morte di suo padre, Suresh si allontana dalla vettura, e si rifugia nell'anonimato delle strade di New York.

Benché Hiro riesca a compiere la missione impossibile di teleportarsi nella toilette delle signore, tutta la soddisfazione che ottiene è di essere scambiato per un guardone. Hiro si sfoga con Ando: tutti hanno paura di distinguersi, ma lui vuole essere diverso e fare ciò che nessuno ha mai osato. “Sei Super-Hiro!” lo deride Ando.
Tornata a casa dall’incendio, Claire ha un incidente domestico che si affretta a nascondere alla madre per paura che scopra il suo segreto. Poi domanda alla donna: “Chi sono i miei veri genitori?” In quel momento, il padre di Claire rientra a casa; è lo stesso uomo che ha indotto Suresh a fuggire dal taxi.
Nella metropolitana di Tokyo, Hiro fissa lo sguardo su un manifesto che pubblicizza un viaggio a New York. Prima di rendersene conto, il giovane si ritrova al centro di Times Square. “Ciao New York!!!” grida felicissimo.

Simone recupera una fiala di morfina da casa del padre e porta Peter con sé allo studio di Isaac. Quando arrivano, trovano Isaac sul pavimento, in overdose. Mentre Simone chiama un'ambulanza, Peter nota un quadro che ritrae un giovane uomo che salta da un edificio. Ancora più inquietante è il murales sul pavimento: raffigura New York City avvolta dalle fiamme. “Dobbiamo impedirlo” mormora Isaac.

In cima a un edificio di New York, Peter Petrelli apre le braccia, e si prepara a volare. Il suo telefono cellulare cade a terra e si rompe, attirando l’attenzione di Nathan, sotto al palazzo. Peter salta, ma prima che si schianti a terra, suo fratello Nathan improvvisamente prende il volo, afferra Peter e lo mantiene in aria.

Per questa guida si ringrazia:
Heroes-ITA - http://www.heroes-ita.it