articolo inserito da Serial TV  -  fonte: TV & Telefilm

Era un’ipotesi che già circolava a gennaio, ma ora la notizia è pressoché certa: La nuova Squadra, sfortunato spin-off de La squadra, chiude i battenti a marzo, non appena saranno completati gli episodi della seconda stagione della serie, in onda in autunno su Rai tre.

A nulla sembrano essere servite le proteste di Mario Landolfi, componente della Commissione parlamentare di Vigilanza sulla Rai. Nè le proteste dei fan.

Adesso, le preoccupazioni dei sindacati, dei politici e dei vertici Rai sono tutte rivolte ai lavoratori, a tutte le maestranze e le professionalità coinvolte nella produzione della fiction. Anche il governatore Antonio Bassolino ha espresso preoccupazione: “Non dimentichiamo che Capri fu girata sulle nostre coste e non in Grecia grazie all’intervento della Regione. Perciò nei prossimi giorni incontrerò i vertici Rai per discutere del futuro della fiction in Campania e stipulare una convenzione quadro che definisca forme di collaborazione produttiva tra noi”.

“La questione - ribattono i sindacalisti della Rsu - non riguarda la difesa ad oltranza de La nuova Squadra ma delle professionalità accumulate in questi anni e, ovviamente, dei posti di lavoro. Insomma può accadere che una fiction, dopo oltre dieci anni, si avvii al tramonto, anche se gli ascolti bassi dipendono dalla collocazione sbagliata e dalla volontà della Rai di non sostenerla con la pubblicità. L’importante, però, è che l’azienda non disperda uomini e risorse e li impegni in un’altra fiction”.

La Squadra