articolo inserito da MBristow83  -  fonte: Televisione.it

Dal 4 settembre il tenente Kojak fa il suo grande rientro su Hallmark Channel, che proporrà una nuova serie del celebre telefilm, aggiornato per la trasmissione nel terzo millennio: il mitico tenente conserva l’identitaria pelata ma, a gran sorpresa, cambia “colore”

A volte ritornano. Ma solo quando il successo è consolidato e assicurabile anche per il futuro. E’ così che nasce un mito: il tempo non corrompe l’affetto del pubblico che, anche a distanza di un trentennio, accoglie con entusiasmo gli aggiornamenti dei grandi telefilm che hanno in contribuito in modo decisivo a fare la storia della tv.

Così accade per il ritorno di un altro illustre classico televisivo che, a partire dal 4 Settembre, avrà un appuntamento fisso sul canale 136 di Sky, quello di Hallmark Channel, che proporrà una ripresa dell’indimenticabile serie del tenente Kojak, reso immortale nel passato dal mitico Telly Savalas.

Nelle nuove puntate, tuttavia, c’è un “aggiornamento” del tutto originale che in primo piano coinvolge proprio la scelta dell’attore protagonista: riconfermata l’intramontabile caratteristica pelata, il Kojak dei giorni nostri è un uomo di colore, interpretato dall’attore Ving Rhames (che è anche uno dei produttori esecutivi della serie), conosciuto per l’interpretazione dello spacciatore Wallace in Pulp Fiction e dell’hacker Luther Stickell in Mission impossibile, oltre che vincitore nel 1998 del Golden Globe per la miniserie targata HBO Don King: only in America.

Lo spirito del tenente più amato resta immutato nonostante la “variazione” sul tema dell’epidermide: charme, sicurezza e sesto senso rimangono le carte vincenti dell’inconfondibile sexy-calvo con lecca-lecca e cappello sulle ventitré del distretto di polizia di South Manhattan, base operativa della risoluzione dei casi che Kojak chiarisce con la collaborazione del tenente Crocker, del detective Stavros e del capo-detective McNeil, interpretato dall’arcinoto Chazz Palminteri, altro pezzo da novanta del panorama cinematografico americano.

Dunque, nuovo millennio, tenente rinnovato: alla curiosità che accompagna il cambiamento si aggiunge una svolta storica nello scenario internazionale delle serie tv che certamente sarà imperdibile per i moltissimi tele-affezionati. L’appuntamento è imminente. E, se la nuova versione non dovesse intrigarci, faremo sempre in tempo a tirar fuori qualche vecchia videocassetta dal sapore, si, un po’ retrò, ma certamente ideale per un tuffo nel passato di un mito senza tempo.


KOJAK